L’Istituto Statale d’Arte di Faenza  ebbe origine nel 1916 e fin dai primi anni di attività il Fondatore e Direttore, Gaetano Ballardini, volle creare una raccolta selezionata di opere realizzate dagli Studenti, indicandola come “Museo Campionario”.
Oggi il M.I.S.A. (Museo Istituto Statale d’Arte) di Faenza, mette a disposizione un panorama di esperienze didattiche che si sono succedute senza soluzione di continuità per tutto il Novecento.
Tale collezione contempla maioliche, sculture ed oggetti realizzati nei decenni con tutte le tecniche e varietà di materiali, nonché taluni lavori di  grandi dimensioni.
Una delle Sezioni del Museo è dedicata al Design ed alleTecnologie avanzate (detti Ceramici Speciali) e comprende numerose opere sia ideate e realizzate dagli Allievi che esito della produzione di serie a firma di importanti designers, artisti e stilisti, nonché di ex Allievi divenuti famosi e punte di eccellenza di molti Brands.
Tra questi ultimi -e solo per citare alcuni divenuti pure noti progettisti del campo delle Ceramiche d’Architettura- si rammentano i nomi di Lodovico Asirelli, Antonio Bullo, Bianco Ghini, Rosanna Farolfi, Luciano Foli, Alfonso Leoni, Gianfranco Morini, Amedeo Palli, Dante Passarelli, Agostino Salsedo, Panos Tsolakos, Carlo Zauli.

Questa prima selezione presenta 74 piastrelle d’Autore a firma varia, talune assai importanti sia sotto l’aspetto stilistico che tecnologico e di ricerca scientifica (tra le quali  rare sperimentazioni di “monopressatura”).
Presentiamo inoltre una selezione di immagini relative a opere realizzate in Istituto dal 1919 a oggi.

(Rolando Giovannini, 03 ottobre 2009)


CAMPIONARIO TECNOLOGICO



OPERE DEL MISA